335.6863542 - 335.6412800 officinaromana@libero.it

lo statuto

Associazione “L’Officina Romana – Cultura del motorismo storico”

Art.l – E’ costituita l’associazione “L’Officina Romana – Cultura del motorismo storico”. Essa ha lo scopo di diffondere la conoscenza del motorismo storico in tutte le sue espressioni, di promuovere la conservazione del patrimonio e la diffusione dello .spirito del libero collezionismo in questo campo. L’associazione ed i suoi soci conformano ogni loro attività ai principi di libertà, democraticità, correttezza e trasparenza.

Art.2 Lo scopo sociale viene perseguito attraverso l’organizzazione di manifestazioni motoristiche, eventi culturali, di comunicazione e pubblicazioni, in Italia e all’estero, anche per mezzo di accordi con istituzioni e associazioni, pubbliche e private. L’associazione non svolge alcun tipo di attività finalizzata al godimento di benefici o esenzioni.

Art.3 – L’associazione non ha fine di lucro. Le quote versate dai soci devono essere destinate per intero al perseguimento dello scopo statutario, così come i fondi eventualmente residuati alla chiusura annuale dell’ attività sociale. Nel caso di scioglimento dell’ associazione, gli eventuali fondi residui, dotazioni di libri e documenti di interesse storico saranno destinati ad istituzioni museali individuate con voto dell’Assemblea.

Art.4 – Sono organi dell’associazione: a) L’assemblea dei soci fondatori; b) l’assemblea dei soci; c) il Presidente; d) il Consiglio.

Art.5 – L’assemblea dei soci fondatori è composta dalle persone che sottoscrivono il presente statuto. Essa è unico organo deliberante a competenza generale dell’associazione per il periodo transitorio di due anni dalla data della sua costituzione. Decorso tale termine, l’assemblea cessa di operare in maniera definitiva e senza bisogno di ulteriore deliberazione. L’assemblea dei soci fondatori elegge alla sua prima riunione il presidente, che cessa automaticamente dalla carica alla conclusione del periodo transitorio.

Art.6 – Decorso il periodo transitorio ex art.S, i poteri passano all’assemblea dei soci. Essa è formata dai soci fondatori e da coloro che hanno liberamente aderito all’associazione dopo la sua costituzione. L’assemblea dei soci: a) elegge il Presidente, ed un consiglio formato da sei soci; b) esamina e vota gli obiettivi ed i costi indicati dal consiglio all’inizio di ogni anno sociale; c) esamina e vota il bilancio dell’anno sociale precedente; d) delibera modifiche allo statuto; e) delibera sullo scioglimento dell’associazione.

Art.7 – Il presidente viene eletto tra i soci senza vincolo di anzianità. Dura in carica quattro anni, ed è rieleggibile senza limiti di mandato. Egli: a) ha la rappresentanza legale dell’associazione; b) convoca l’assemblea dei soci almeno una volta all’ anno, previa deliberazione conforme del consiglio, per l’esame degli obiettivi e l’approvazione del bilancio dell’anno sociale precedente; c) convoca e presiede il consiglio, e ne determina l’ordine del giorno.

Art.8 – Il consiglio è composto da un presidente e sei consiglieri, eletti senza vincolo di anzianità sociale. Dura in carica quattro anni. I suoi componenti sono rieleggibili senza limiti di mandato. Il consiglio: a) affianca e coadiuva attivamente il presidente nella gestione dell’associazione e per il perseguimento dello scopo sociale; b) individua ad inizio dell’anno sociale gli obiettivi da raggiungere, ne determina i costi, secondo le modalità indicate all’art. 10, e li presenta all’assemblea dei soci; c) redige e presenta all’assemblea dei soci il bilancio relativo al precedente anno solare; d) individua al suo interno responsabilità permanenti per il perseguimento dello scopo sociale e per il raggiungimento degli obiettivi; e) decide sull’ammissione di nuovi soci.

Art.9 Possono aderire all’associazione persone fisiche, istituzioni pubbliche e associazioni private che abbiano come scopo quello previsto dall’articolo l del presente statuto. La richiesta di adesione può essere formulata in qualsiasi forma e presentata direttamente al presidente o al consiglio dell’associazione. La richiesta deve essere esaminata alla prima riunione utile del consiglio. L’eventuale diniego non va motivato.

Art.10 – L’associazione non prevede di norma quote di adesione né quote annuali di rinnovo. Le richieste di versamento di quote sono direttamente legate ai singoli obiettivi ed attività sociali deliberati dal consiglio all’ inizio di ogni anno solare. Le deliberazioni dovranno indicare in modo analitico e completo gli oneri finanziari da affrontare.

Art .11 – Il socio ha facoltà di revocare la sua adesione in qualunque momento con una comunicazione al consiglio. Egli non ha diritto alla restituzione delle quote già versate e/o di altri conferimenti, salvo i casi di comodato temporaneo esplicitamente stabiliti. Il mancato versamento della quota deliberata ad inizio d’anno comporta l’esclusione del socio, previa delibera del consiglio.

Art.12 – Le deliberazioni di cui agli articoli 5, •6, 7 e 8 sono assunte a maggioranza semplice dei votanti. Ad ogni socio è attribuito un solo voto e non sono ammesse deleghe. Si può esprimere il voto anche per posta o per via telematica.

Art.13 – Lo scioglimento dell’associazione avviene per manifesta impossibilità di perseguire lo scopo sociale. La deliberazione di scioglimento deve essere assunta dall’ assemblea dei soci a maggioranza assoluta in prima convocazione e, qualora occorra, dalla maggioranza dei presenti in seconda convocazione. Non sono ammesse deleghe e il voto va espresso personalmente.

Art.14 – Per tutte le materie non regolate dal presente statuto, si fa riferimento al regolamento che l’assemblea dei fondatori si impegna ad approvare nel periodo del suo mandato.

Art.15 – Il logo dell’associazione con la relativa dicitura è riportato nella tabella allegata, parte integrante del presente statuto. Esso è stato registrato nelle forme prescritte dal socio fondatore Danilo Moriero, il quale ne ha la titolarità esclusiva, ed è concesso in uso gratuito all’ associazione a tempo indeterminato. Il titolare ha facoltà di revocare la concessione con preavviso di sei mesi inviando agli organi dell’ associazione a mezzo di lettera raccomandata, motivando la decisione.

Art .16 La sede sociale ed operativa è stabilita in Roma presso il Museo delle Auto della Polizia di Stato, Via dell’Arcadia n. 26.

Art. 17 – La durata dell’associazione è illimitata.